ANIMALE DA MACELLO


Rostri e ruggini sedute,
vecchi animali da macello,
o peggio, da cimitero.
anzi, peggio ancora:
da ricovero eterno.

In un’ara sacrificale,
da immolarsi alle intemperie,
ai passaggi,
agli sguardi ciechi di viaggianti,
a volatili stanchi.

Rigano le schegge di ricordi,
rigano sui fianchi,
sui destini consumati,
su imprevisti ingordi
di chiodi, martelli e processori.

L’alba consumata
di un autunno radicato
non sconvolge né commuove
un relitto ancora “non relitto”.

Non certificato.
Abbandonato -sembrerebbe-
al suo destino,
su due fili pesanti
che dirigono
e dividono un cammino.


agostino guarino ©

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...