I GIARDINI DEL SOLE


Nell’umida notte di novembre
scendono lamenti e richiami
che danno luccicore al lastricato del piazzale.

Sotto un lampione fradicio di luce
pasticciano le gocce
e infrangono milioni di parole
e di pensieri sull’impossibile silenzio.

Presenze astratte girano i saluti
e sono infinite le voci
e le frasi che oscillano
dietro le quinte della vita.

Non sono curioso di assistere ai motivi,
non desideroso di capire troppi segreti,
non pronto a parlare del domani.
Non lo voglio nominare.

Non ho paura di questo,
ma paura di conoscere troppo,
di scoprire l’immortalità, il peso che dona;
la sofferenza della vita per chi è di qua.

Troppe voci emergono dal niente,
troppi lamenti
e il silenzio è impercettibile.
Troppi cuori senza pace
girano nei giardini del sole.

Troppe anime buttate alla deriva,
come scatole di tonno
svuotate ed inquinanti,
come materia indistinta e fastidiosa,

inquietante ed inquieta,
imprevedibile e incontrollabile,
non riescono a sedare il dolore,
non si lasciano guarire.

È difficile voler sentire,
voler udire.
Ho paura e non voglio
oltrepassare il confine,
ma forse dovrà succedere.


agostino guarino ©

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...