MERCATINO DELL’USATO


In un mattino freddo,
dalle mani screpolate,
aspetto l’apertura
di cose ritrovate.

Un posto dove tanti
consegnano vestiti,
ma anche oggetti vari
e mobiletti antichi.

Ci sono quadri vecchi,
monili e cose strane,
cucine e vecchi letti
che possono andar bene

per chi ne ha più bisogno,
a un prezzo declassato.
Ogni tanto faccio un giro
al mercatino dell’usato.

Ci porto abiti smessi
e timbri mai usati,
giocattoli depressi
e libri consumati.

Gettare non mi piace.
È stupido sprecare.
A volte può far bene.
È un modo di aiutare.


agostino guarino ©