SOTTO L’IMBRUNIRE DI UNA STRADA VUOTA DI PAESE


Finalmente un po’ di sole dopo tutta questa neve
che ha coperto gli orizzonti attorno a me.
Qualche ombra di colore incandescente la si vede,
qualche nota che riscalda adesso c’è.

E mi sento meglio e mi sento bene,
meglio dell’inverno che al mio umore non conviene,
specialmente adesso che no ho nessuno,
nemmeno un compromesso di qualcuno da vedere.
E mi sento strano, strano a più riprese,
sotto l’imbrunire di una strada vuota di paese.

Finalmente un po’ di luce dopo tutto questo nero
senza luna e poche stelle in mezzo al cielo!
Qualche cosa che mi piace, che si muove sul sentiero,
la mia ombra che mi avvolge con un velo.

E mi sento meglio e mi sento acceso,
come se arrivasse qualche cosa di inatteso,
specialmente adesso che vado deciso,
non avrei scommesso una moneta a quest’avviso.

E mi sento strano, strano a più riprese,
sotto l’imbrunire di una strada vuota di paese,
un po’ come Montand, sul set di un film francese,
sotto l’imbrunire di una strada vuota di paese.


agostino guarino ©

Annunci