COCKTAIL DI PAROLE


Tra queste curve,
per troppe volte
ci ho lasciato un pezzo di cuore,

per qualche abbraccio mal dato,
per il troppo poco tempo rubato
alle nostre ore;

alle mie poche ore,
alle tue esigenze signore
e a scorzate di veleno
nei tuoi cocktail di parole.

Come puoi chiamare amore!
Come puoi chiamare amore!

E non incappo, sulla strada,
che in abusi di manovre,
in tentacoli di piovre
che mi bloccano la mente
e la mano,
che non sente,
imbraccia un’altra marcia e fila via.

Bestemmie non usate
fanno sfondo alla corsia,
al vuoto che è rimasto
nel vederti andare via,

al posto dei sorrisi che mi davi
nel gioire d’esser mia,
al posto dei sorrisi che mi davi
nel guarire della nostra…
della nostra malattia
e a scorzate di veleno
nei tuoi cocktail di parole.

Come puoi chiamare amore!
Come puoi chiamare amore!

Non capisco bene anch’io
che cosa sia.

E riprendo queste curve
e cerco nuove traiettorie,
eludo strade obbligatorie
navigato alle manovre,
coi tentacoli di piovre
che rallentano la presa
e la mano lì, distesa,
imbraccia un’altra marcia e fila via.


agostino guarino ©

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...