INQUIETUDINE


Rivolto le carte e le rivolto ancora.
Il fiore nero pòllina,
dispone semi sulla terra
e miete inquietudine.

Rivolto i pensieri sulle scale,
prendo a pugni il sonno,
faccio a pezzi il cemento
correndo affanni in silenzio,
senza accennare a un respiro.

Rivolto gli sguardi agli occhi
che sono chiusi in una rete
di “cosa c’è che non si vede?”
e non riposano mai.

Rivolto i fogli in un intento
di speranza ancora viva.
Se c’è una luce: quella è mia!
e non mi seda più.

Rivolto cuori ed argomenti,
impasto frasi e scoramenti.
Intanto un gufo vola via
ed un motore s’avvia.


agostino guarino ©

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...