TREMO DI TE


Sono ancora lontano
dai tuoi odori,
profumi,
umori.
Dagli occhi.

Molto lontano da un bacio.

Ma neanche sfiorarti con le labbra il viso,
neanche le braccia,
i polsi,
i fianchi e tutta intera…

Le tue forme,
che neanch’io ho mai cercato,
fino ad oggi immaginato,
che non ho calcolato,
mi fanno tremare.

Non ho ancora visto con te una luna.
Non ho ancora diviso un vino nuovo.
Non ho ancora capito chi sei davvero,

ma tremo di te
più di un pargolo inverno,
più di una piuma dischiusa al gelo,
più di una carezza che ti vorrei fare,
più della paura dell’innamorare.


agostino guarino ©

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...