ODORANDO LE VIOLE


Odorando
piccole viole,
erbe selvatiche,
senza parole;

aspettando
primule chiare,
tra mille inutili
cose da fare,

perdo tempo con te.

Non so uscire
da questa prigione.
Non so uscire da te.

Non so uscire da qui,
assegnarmi qualcosa da vivere.

Non so quando
le tue parole
sbocceranno
come le viole,

aspettando,
senza sognare
una speranza,
cerco una chiave.

Questo tempo con te.

Non so uscire
da questa prigione.
Non so uscire da qui,
assegnarmi qualcosa da vivere.

Libero.
Sono libero
di decidere come morire.

Libero.
Sono libero.
Non c’è molto oramai da capire.


agostino guarino ©

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...