CACCIA


I caprioli zampillano
sui delicati pendii.
Le mosche non disturbano
l’immensità dei respiri.

La terra è umida e ristagna.
La nebbia sa di guerra,
sale e scende
e soffoca gli occhi alla campagna.

I treni, i corvi neri
e le civette gelano l’oscurità,
ma verso l’alba il primo fuoco…

È tempo di caccia.

E cani, cani e cani ancora correre,
guaiti, spari e fagiani feriti
e rabbia, odio, sangue e malvagità,
raccolti tra le viti.

Soddisfazione -se ci sarà-
e quaglie, folaghe, piccioni,
ritirano i battenti
e spariscono le code dai cannoni
e aspettano.

I treni,
umide foreste in pioggia,
volano sereni verso il mare,
dove c’è già rumore

ed i cacciatori stanchi, prodi, fieri,
ritornano ai loro branchi,
ai loro sentieri.
Non molto distanti,

occhi grandi di cerbiatta,
richiamano -istinto d’animale-
brughiere profumate
da non abbandonare.


agostino guarino ©

pubblicato nel periodico web Acta Diurna 2009

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...