OMNIBUS


Già, presi treni per posti lontani.
Già, pensai di perdermi.
Già, vidi scie di binari e siepi
volgere sguardi distratti,

incanti, bisbiglii di facce comuni
interrompere silenziosi pensieri,
vaghe visioni sul futuro atteso.

Echi di suoni metallici
sfuggono ai pensieri,
che veloci si succedono
in un levar di sole.

Viaggio lento
e senza grosse destinazioni.
Giornata qualsiasi
di un mese qualunque,
prossimo all’estate.

«Biglietto, prego…»
e il cuore si ferma
ad un abbaglio già distante.

«Scendo qui! ».


agostino guarino ©

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...