AMORE STINTO


Lento scivola il tempo
su questa nube grigia che parcheggia
e la strada si colora di foglie mature
che il vento un po’ vezzeggia.

Conto qualche moneta
su questo tavolo senza più età,
dal piano eroso senza pudore
dai tafferugli della vita.

Amore stinto, amore stanco,
flebili errori, tregua bonaria
Viene la sera e non mi rinfranco
e sfido l’alba, viziando l’aria.

Solo una figura nitida,
senza una carta d’identità,
adita una voglia impudica,
capelli sciolti e curiosità.

Languidamente si spegne la notte,
non so nemmeno nel letto chi c’è;
se sto dormendo o se sono da solo,
se è casa mia o casa mia qual è!

Forse, cercando,
c’è almeno un perché.
Forse, nel buio,
io non pensavo a te.

Che sentimenti poveri d’amore!

Che brutta cosa stare distesi al sole
se non c’è un’ombra davanti a te!


agostino guarino ©

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...