DE PROFUNDIS


Chicchi d’uva, grappoli, foglie, ma non di vite,
mani di pittura, trapani, lavori, giostre infinite,
cornici, avanspettacoli, storie poco riuscite,
imprese insospettabili, come l’assenza di cellulite.

Continuano, interminabili, a rovesciarsi come impazzite
coltelli, lame implacabili, a ravvivare vecchie ferite
e arrivano da tutti gli angoli, da tutti i piani di un grattacielo,
richieste sia di miracoli sia di pompieri a stendere un velo.

De profundis clamamus ad te Domine.
De profundis clamamus ad te Domine.

E immagini, echi di cronache, frasi scontate, senza pietà:
dovere per una stampa, per qualche virgola di verità
ed aquile e foche monache, orsi che migrano nelle città.
Sui mari d’olio, neri di folaghe, solo gli squali hanno libertà

e fondi e celebrazioni, marce e bandiere, donne e violenza,
per i diritti, per le generazioni, per la ricerca …di un po’ di decenza
e arrivano dolori ai fianchi, ai nostri corpi poco reattivi.
Le cure ci fanno stanchi. Anche i dottori sono abusivi.

De profundis clamamus ad te Domine.
De profundis clamamus ad te Domine.


agostino guarino ©

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...