POLVERE


L’inchiostro è polvere,
un’illusione di fiato al vento
che si spazza via in un secondo,
in un lampo di un momento
che stridula sotto l’acida pioggia
meschina di favole irrisolte.

È l’ancora che schianta il suo peso
su uno scoglio di corallo fragile
e non resiste al peso delle onde
che trascinano come sacchi di sabbia
il suo rovente rugginare.

È polvere intrisa di sonno,
di lamento, di ricordo,
di sollievo e di respiro,
di silenzio e vago imbroglio

per un concerto di rondini sparite,
per un’indomabile paura di inattesi arrivi
di tempeste o di uragani
assetati di sangue,

affamati di quel poco di coraggio
che ci resta tra le mani,
negli occhi, nei nostri sguardi;
battiti di ciglia calde di un attimo
che, come marmotte in una bufera di neve,
si nascondono improvvise all’avvertire
di un pericolo nascosto,

forse del viso nostro,
che a specchiarci fa scappare,
da dove o da cosa
non sappiamo ancora bene,
ma è senz’altro qualcosa da evitare.

Uno scontro, un impatto
oppure soltanto un duello
o il rischio di essere disfatto,
impantanato o quasi sotterrato

dalla polvere che, col tempo,
a lungo andare,
seppellisce ogni ipotesi di sogno,
dai volteggi sulle cime dei deserti bianchi,
agli ondeggi di una vela sulle pianure di mare.


agostino guarino ©

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...