NOI DUE


Noi due,
quelli che non ci capiscono.
Noi due,
quelli che ci definiscono
“quei due”:

soli, come ci chiamano;
poli che ci dividono,
punti di vista che non coincidono.

Noi due,
quelli che diversificano,
noi,
che siamo così all’unisono.

Noi due,
voci di cori timidi,
moli dai venti dispari,
taglienti come bisturi.

Come due spighe al sole,
giriamo al vento altrove,
fuori da un coro facile,
dentro in un cuore fragile.

Noi due,
quelli di un bacio al buio,
dietro ad un vicolo o infondo un corridoio.
Cuori isolati in un deserto,
piccole isole in un mare aperto.

Come due ali nuove
ci solleviamo al sole
forti in un cuore fragile,
dolci in un volo agile.

Noi due,
quelli di un bacio al buio,
dietro ad un vicolo o infondo un corridoio.
Cuori isolati in un deserto,
piccole isole in un mare aperto.

Noi due,
quelli che adesso vivono
quelli che non uccidono
con una voce, un’idea, un’identità.
Noi due, davanti
a questa nostra realtà.


agostino guarino ©

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...