UNA CIRCOSTANZA IN PIÙ

E sono qui che ti ripenso,
con il mento un po’ all’insù.
Non è un capriccio nè uno sbaglio,
solo una circostanza un più
e a pensarci solo adesso,
farei quasi dietro-front,
ritornando sui miei passi
e stare sola ancora un po’.

Ma come mai
divento piccola
quando mi confronto in te!
proprio io
che ti considero
molto più piccolo di me.

Ma come mai
mi trovo a fingere
e so benissimo il perché!
proprio io
che so sconfiggere
qualsiasi ombra intorno a me.

Ed è così che guardo dentro
e mi rispecchio in un caffè.
Mi scopro attorno a questo vento
a ripensare ancora a te.

Ma come mai
divento piccola,
divento piccola così,
proprio io,
io che considero
i tuoi discorsi fragili.

Ma come mai
mi sento spingere
ancora lì, verso di te,
proprio io
che riesco a vincere
qualsiasi ombra intorno a me.

Ma come mai
mi trovo a fingere
e so benissimo il perché,
proprio io
che so sconfiggere
qualsiasi ombra intorno a me.

E sono qui che ti ripenso,
con il mio mento un po’ all’insù.
Non è un capriccio né uno sbaglio,
solo una circostanza un più.


agostino guarino ©

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...